Key Energy
5-8/11/2019

News


Siamo in un periodo di cambiamenti rapidi e radicali, se la crisi pandemica ha da un lato accelerato processi di adattamento sociale con soluzioni più smart e interattive, dall’altro, ha contribuito a rendere evidenti le differenze di accesso alle risorse energetiche. Secondo il Tracking SDG 7: The Energy progress Report (2020), pubblicato dall’Agenzia internazionale per l’energia (lea), quasi 790 milioni di persone non hanno accesso all’elettricità. Ciò significa che, ad oggi, il mondo non è in grado di garantire l’accesso universale all’energia semplice.  

Ma se è vero che si è ridotto di molto il numero di persone che non hanno accesso all’elettricità, è altresì aumentata la quota di energia rinnovabile usata per la rigenerazione e il miglioramento nell’efficienza energetica. Alla base di questi cambiamenti vi è la preoccupazione per gli impatti ambientali da CO2 provocate da combustibili convenzionali che potrebbero causare, prima di quanto pensiamo, effetti drammatici e irrimediabili come: carenze di acqua dolce, il calo drastico della disponibilità di risorse primarie e l’aumento dei morti a causa di violente alluvioni e ondate di calore. A questi temuti livelli si sta cercando di sopperire con l’uso crescente delle energie rinnovabili, diventate non solo un’alternativa brillante rispetto al passato ma una seria promessa per il nostro futuro. Negli ultimi anni l’utilizzo delle rinnovabili è infatti incrementato esponenzialmente e accompagnato ad un calo di costi delle tecnologie rinnovabili per una transazione tout court verde e sostenibile. 

 

Il desiderio di sicurezza, unito al piano di resilienza economica, ha quindi aperto uno spiraglio importante sulla dimensione delle green energies da affiancare all’energia elettrica e con il presupposto di vederle un giorno del tutto decentralizzate a autonome grazie a progetti tecnologici innovativi; queste da impiegare su vasta scala per le aree rurali e per i paesi in via di sviluppo.  

A partire proprio da questi temi, il servizio degli SmartDrone offerto da Globsit offre numerosi vantaggi favorendo migliorie sulle prestazioni degli impianti FV e incentivando così la riduzione di emissioni di gas a effetto serra, e di seguito, anche la diversificazione di approvvigionamento energetico, con una minore dipendenza dal mercato dei combustibili fossili e, last but not least, la salvaguarda del nostro ecosistema. 

#greenenergies #globalwarming #greehouse #smartsolutions #innovation  

15 Giugno 2020 By Maria Attanasio Senza categoria Share:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *