Fotovoltaico: nuovo calo dei costi per l’energia solare nel prossimo decennio

Wood Mackenzie – gruppo globale di ricerca e consulenza in diversi settori, compreso quello delle energie rinnovabili – ha stimato un nuovo calo dei costi per l’energia solare per il prossimo decennio, nel suo rapporto intitolato “Total Eclipse: come la riduzione dei costi assicurerà il dominio del solare nel settore dell’energia”.

Nonostante tutti i cambiamenti in atto, infatti, il costo dell’energia solare continua a calare. Dal 1991, questo è diminuito di circa il 90% e si stima che entro il 2030 subirà un ulteriore taglio del 15-25%, grazie ai progressi nell’efficienza dei moduli, nella produzione, nelle pratiche del lavoro e nei software. Nel rapporto, inoltre, il comparto fotovoltaico viene definito come “highly investible”, ossia altamente attrattivo per i potenziali investitori, e questo grazie alla sua rinnovata capacità di soddisfare sia obiettivi economici che politici.

Wood Mackenzie stima che nel prossimo decennio la riduzione dei costi sarà dovuta principalmente alla crescita e allo sviluppo di diverse tecnologie, tra cui:

  • Pannelli bifacciali: la nuova tecnologia consentirebbe a entrambi i lati dei pannelli di generare energia, arrivando così a un aumento del 15% della produzione;
  • Moduli solari più grandi: lo sviluppo di pannelli di maggiori dimensioni, infatti, consentirebbe un aumento della “superficie utile” alla cattura di energia solare, determinando così maggiori guadagni in uscita;
  • Tracker: sistemi di tracciamento e inseguimento che consentono al pannello di disporsi nella migliore inclinazione durante il giorno in modo da ricevere la maggior quantità di luce possibile, aumentando così la capacità di cattura rispetto a un pannello “statico”.

Per il prossimo decennio si stima, inoltre, anche un calo dei costi operativi. Infatti, l’utilizzo sempre più diffuso di tecnologie come droni o la termografia per il monitoraggio, rende gli impianti molto più efficienti, con conseguente diminuzione dei costi di manutenzione.  

A tal proposito, grazie ai controlli effettuati con il nostro servizio di ispezione aerea GlobsitSmartDrones abbiamo riscontrato:

  • Incrementi di produzione dell’impianto fotovoltaico che arrivano al 15%;
  • Un notevole risparmio in fase di manutenzione, grazie ad un sistema di monitoraggio periodico;
  • Il 40% in meno di fermi produttivi dovuti ai lavori sulle stringhe.

Contattaci per avere una consulenza gratuita con gli esperti di Globsit e usufruisci di uno sconto del 20% sul nostro servizio di ispezione aerea!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *